I CANI POSSONO MANGIARE IL PESCE?

º

Il pesce è diventato un ingrediente molto popolare negli alimenti commerciali per cani, e per una buona ragione! La maggior parte dei cani adora il sapore del pesce, che rende il momento del pasto un gioco da ragazzi, ma è anche molto salutare per loro. È ricco di sostanze nutritive che favoriscono la loro salute e può essere tollerato anche dalla maggior parte dei cani che soffrono di disturbi di stomaco. Tuttavia, una cosa buona può essere decisamente eccessiva, quindi è importante conoscere anche i pericoli che si possono incontrare quando si dà da mangiare al cane il pesce.

Quali sono i benefici dell'alimentazione del cane con il pesce?

Il pesce nella dieta del cane può offrire un’ottima fonte di proteine altamente digeribili, il che significa che possono accedere prontamente a tutte le bontà della carne, in modo da sprecarne pochissima. È anche relativamente povero di grassi saturi, il che significa che è una delle carni migliori per quanto riguarda la salute del cuore.

Inoltre, il pesce offre una delle migliori fonti di acidi grassi omega-3, in particolare EPA e DHA. Questi acidi grassi svolgono molte funzioni per la salute del nostro cane e forse avrete sentito dire che possono favorire la salute della pelle e del pelo. Ma ancora più impressionante è il fatto che è stato dimostrato che sono in grado di ridurre le infiammazioni. Ciò rende una dieta a base di pesce preziosa per i cani che soffrono di osteoartrite o IBD.

Il pesce contiene anche una serie di vitamine e minerali che dovrebbero essere inclusi nella dieta del cane:

  • vitamina A, che contribuisce a mantenere la pelle sana
  • Vitamine B6 e B12, che contribuiscono a migliorare l’umore, a mantenere il cervello sano e a prevenire l’anemia. Contribuiscono inoltre a rafforzare il sistema immunitario.
  • Vitamina D, che favorisce una crescita sana dello scheletro e un sistema immunitario sano.
  • Vitamina K, essenziale per la coagulazione del sangue e la guarigione delle ferite. La maggior parte dei cani ricava una quantità sufficiente di vitamina K dai batteri dell’intestino crasso, ma ciò può essere compromesso da alcuni farmaci e malattie, per cui può essere necessaria una dieta a base di vitamina K.
  • Minerali, tra cui fosforo, manganese e iodio.

Quali sono i rischi dell'alimentazione dei cani con il pesce?

Affinché il cane possa trarre i benefici del pesce, è necessario che faccia parte di una dieta completa. Infatti, il pesce da solo non è sufficiente a sostenere la salute del cane: manca di una quantità sufficiente di calcio, sodio, ferro, rame e altri nutrienti chiave. Questo aspetto è particolarmente importante da tenere presente se si prevede di cucinare in casa i pasti del cane (cosa che dovrebbe essere fatta in consultazione con un nutrizionista canino), ma non c’è bisogno di preoccuparsi se si preferisce dare al cane crocchette o cibo umido: la nostra selezione di questi alimenti è già bilanciata e completa per assicurarsi che il cane riceva tutto ciò di cui ha bisogno.

Tuttavia, se avete intenzione di dare al vostro cane qualche bocconcino fresco a base di pesce, magari qualche scarto di pesce o un pezzetto di pesce da chiamare proprio, ci sono altri rischi di cui dovete essere consapevoli. Il principale è che spesso il pesce può essere difficile da disossare completamente e queste lische possono rivelarsi fatali per i nostri cani. Se riescono a prenderne una, possono perforare le gengive o altre parti della bocca. Se riescono a inghiottirla, rischiano di soffocare o possono addirittura perforare il tratto gastrointestinale, andando a perforare altri organi. Per questo motivo, è fondamentale selezionare con cura il pesce che si intende dare al cane, per assicurarsi che sia privo di lische.

Un altro rischio legato al pesce è che sia crudo o poco cotto. Il pesce crudo può esporre il cane a batteri come la salmonella, la listeria e il clostridium, che possono farlo ammalare. Questi batteri possono trasmettersi anche ad altri membri della famiglia: i bambini, gli anziani e le persone immunocompromesse sono i soggetti più a rischio.

Il pesce crudo può anche essere contaminato da parassiti, che possono trasmettersi al cane se non viene cucinato, oltre a causare una carenza di tiamina nei nostri cani. Se il vostro cane dovesse avere una carenza di tiamina, sarebbe vulnerabile a tutta una serie di problemi di salute, come confusione, affaticamento, convulsioni e altro.

Qual è il miglior pesce da dare ai cani?

In genere si ritiene che sia meglio somministrare ai nostri cani pesci più giovani o con una vita più breve, poiché i pesci più vecchi tendono ad accumulare mercurio nei tessuti e sono stati esposti a un numero maggiore di parassiti. Questi pesci a vita più breve (che sono migliori per il cane) sono il salmone, il pesce bianco, l’aringa, il merluzzo e il pesce gatto. Specie come il tonno bianco e il pesce spada tendono a vivere molto più a lungo e potrebbero quindi esporre il cane al rischio di tossicità da metalli pesanti.

Tuttavia, se avete intenzione di dare al vostro cane qualche bocconcino fresco a base di pesce, magari qualche scarto di pesce o un pezzetto di pesce da chiamare proprio, ci sono altri rischi di cui dovete essere consapevoli. Il principale è che spesso il pesce può essere difficile da disossare completamente e queste lische possono rivelarsi fatali per i nostri cani. Se riescono a prenderne una, possono perforare le gengive o altre parti della bocca. Se riescono a inghiottirla, rischiano di soffocare o possono addirittura perforare il tratto gastrointestinale, andando a perforare altri organi. Per questo motivo, è fondamentale selezionare con cura il pesce che si intende dare al cane, per assicurarsi che sia privo di lische.

Un altro rischio legato al pesce è che sia crudo o poco cotto. Il pesce crudo può esporre il cane a batteri come la salmonella, la listeria e il clostridium, che possono farlo ammalare. Questi batteri possono trasmettersi anche ad altri membri della famiglia: i bambini, gli anziani e le persone immunocompromesse sono i soggetti più a rischio.

Il pesce crudo può anche essere contaminato da parassiti, che possono trasmettersi al cane se non viene cucinato, oltre a causare una carenza di tiamina nei nostri cani. Se il vostro cane dovesse avere una carenza di tiamina, sarebbe vulnerabile a tutta una serie di problemi di salute, come confusione, affaticamento, convulsioni e altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Consigli

Scopri tutti i nostri articoli