COME PRESENTARE UN GATTO A UN CANE

º

Come introdurre un gatto a un cane

Molte famiglie finiscono per desiderare sia cani che gatti, ma non necessariamente prendono questa decisione contemporaneamente. Così si esce, si trova un cucciolo e lo si porta a casa. Magari passano un paio d’anni e avete un piccolo che vi implora di avere un gattino! Quindi, naturalmente, dovete prendere un gatto. Ottimo. Probabilmente starete pensando che è difficile far andare d’accordo cani e gatti, e in effetti può essere così. Ma è possibile! Come si fa a far conoscere un gatto a un cane, vi chiederete? Ecco i passi più importanti da compiere per far sì che Whiskers e Fido diventino migliori amici… o almeno si tollerino a vicenda!

La parte (forse) noiosa: prepararsi e istruirsi

Prendete i vostri piccoli (bambini) e prendetevi questo tempo per imparare. Prima di iniziare qualsiasi tipo di introduzione, dovete prendervi il tempo necessario per istruirvi completamente sull’approccio migliore.

Speriamo che questo post serva da base per l’apprendimento.

Approfondiremo questi punti più avanti, ma ecco alcune informazioni veloci e importanti:

È importante notare che si tratta di un processo; non è qualcosa che si può fare in 30 minuti.
Dovete essere pronti a essere pazienti, perché l’ultima cosa che volete è introdurre il vostro nuovo gatto troppo in fretta.
Se l’introduzione avviene troppo in fretta, potrebbero verificarsi problemi per il resto della loro vita: drammatico, lo sappiamo, ma è la spiacevole verità.
Per cominciare, il vostro gatto avrà bisogno di una stanza tutta sua. E idealmente, un posto dove possa andare e dove il cane non possa arrivare.
I cancelletti per bambini saranno i vostri migliori amici.
Non limitatevi a confinare il vostro nuovo gatto. Lasciatelo vagare per la nuova casa, mentre il cane è confinato.
L’interazione faccia a faccia, senza una stanza o un cancello per bambini che separa i vostri piccoli pelosi, richiede un minuto (o diversi giorni) di lavoro. Siate pazienti.
Prima di prendere il gatto, assicuratevi che il vostro cane conosca comandi semplici come “seduto” e “resta”. Questi comandi vi torneranno utili.
Il rinforzo positivo per il cucciolo è fondamentale.
Evitate gli incontri timorosi. Questo è un punto delicato, ma l’ultima cosa che volete fare è spaventare uno dei vostri animali. Per ridurre la paura, assicuratevi di seguire tutte le fasi descritte di seguito e cercate di capire i vostri animali. Sono pronti? Non buttatevi a capofitto.
Altre note su come introdurre un gatto a un cane dapaws.org:

Precauzioni

“Se uno dei vostri animali ha un problema medico o è ferito, questo potrebbe bloccare il processo di introduzione. Consultate il vostro veterinario per essere sicuri che tutti i vostri animali siano in salute. Dovrete inoltre avere almeno una lettiera per ogni gatto e probabilmente dovrete pulire tutte le lettiere più frequentemente. Assicuratevi che nessuno dei gatti subisca un “agguato” mentre cerca di usare la lettiera. Cercate di mantenere gli orari dei vostri animali residenti il più possibile simili a quelli che avevano prima della comparsa del nuovo arrivato. I gatti possono fare molto rumore, tirarsi il pelo a vicenda e rotolarsi in modo drammatico senza che nessuno dei due si ferisca. Se si verificano piccoli litigi tra i gatti, non bisogna intervenire direttamente per separarli. Piuttosto, fate un rumore forte, lanciate un cuscino o usate una bottiglia con acqua e aceto per separare i gatti. Date loro la possibilità di calmarsi prima di reintrodurli l’uno nell’altro. Assicuratevi che ogni gatto abbia un nascondiglio sicuro”.

Una parola sui gattini e i cuccioli

“Essendo molto più piccoli, i gattini rischiano maggiormente di essere feriti, di essere uccisi da un cane giovane ed energico o da un cane predatore. Un gattino deve essere tenuto separato da un cane particolarmente energico fino a quando non è completamente cresciuto, e anche allora non dovrebbe mai essere lasciato solo con il cane. Di solito, un gatto ben socializzato è in grado di tenere un cucciolo al suo posto, ma alcuni gatti non hanno abbastanza fiducia per farlo. Se avete un gatto particolarmente timido, potreste aver bisogno di tenerlo separato dal cucciolo finché non matura abbastanza da avere un maggiore autocontrollo”.

Quando chiedere aiuto

“Se le presentazioni non vanno bene, cercate immediatamente un aiuto professionale. Gli animali possono essere gravemente feriti durante i combattimenti e più il problema si protrae, più è difficile risolverlo. I conflitti tra animali della stessa famiglia possono spesso essere risolti con l’aiuto di un professionista. Le punizioni, però, non funzionano e potrebbero peggiorare la situazione”.

Fase 1: trovare al gatto una stanza tutta sua

Una volta portato a casa il gatto, assicuratevi che sia stata allestita una stanza dedicata esclusivamente a lui. Portate il gatto in casa con un trasportino e andate direttamente in questa stanza. In questa stanza dovreste predisporre tutto ciò di cui il gatto avrà bisogno: cibo, acqua, lettiera, giocattoli e qualsiasi altra cosa pensiate possa servire al vostro gatto.

La stanza che decidete di utilizzare dovrebbe essere una di quelle che il cane non deve usare o usa poco.

Ad esempio, se il cane dorme sempre con voi di notte, non è il caso di scegliere di mettere il nuovo gatto nella vostra camera da letto. Permettete al cane e al gatto di annusarsi sotto la porta, ma tenetela chiusa e assicuratevi che il gatto non possa uscire dalla stanza. È importante che il cane abbia la possibilità di annusare il gatto prima di introdurre completamente i nuovi fratelli.

Fase 2: scambiare gli odori

È necessario scambiare gli odori. Si può cambiare la coperta per dormire tra il cane e il gatto, in modo che si abituino all’odore dell’altro. Paws.org suggerisce di strofinare un asciugamano su un animale e di metterlo sotto il piatto del cibo di un altro animale. Questa operazione va fatta con ogni animale presente in casa.

Fase 3: Cambiare gli spazi abitativi

Paws.org dice: “Una volta che il nuovo gatto usa la lettiera e mangia regolarmente mentre è confinato, lasciategli del tempo libero in casa mentre confinate gli altri animali nella stanza del nuovo gatto. Questo scambio offre agli animali un altro modo per sperimentare gli odori reciproci senza un incontro diretto. Inoltre, permette al nuovo arrivato di familiarizzare con il nuovo ambiente senza essere spaventato dagli altri animali”.

Fase 4: installare un cancelletto per bambini. È ora che i vostri cuccioli si vedano.

Il passo successivo per imparare a presentare un gatto a un cane è l’introduzione faccia a faccia, non all’aperto. Mettete una specie di cancelletto alto all’ingresso della stanza che avete scelto per il vostro nuovo gatto e aprite la porta. Anche in questo caso, l’obiettivo è far sì che entrambi si sentano a proprio agio e si adattino al nuovo ambiente, il che ovviamente include l’adattamento alla presenza dell’altro.

Il passaggio alla fase successiva dipenderà dalla reazione del cane e del gatto. Se aprendo la porta il cane è eccessivamente eccitato, si agita o si agita, è meglio limitare l’esposizione; chiudete la porta e riprovate un po’ più tardi.

Quando aprite la porta per la prima volta, cercate di far concentrare il cane su qualcosa di diverso dal gatto. Tirate fuori il giocattolo preferito del cane, dategli da mangiare mentre aprite la porta o fate qualcos’altro che gli piaccia.

Lo scopo è duplice: in primo luogo, vogliamo che il cane si abitui al gatto gradualmente, senza eccitarsi a tal punto da non riuscire a comportarsi bene.

In secondo luogo, si associa la presenza del gatto a qualcosa di positivo: cibo, gioco o dolcetti. Se lo si fa un numero sufficiente di volte, il cane imparerà che la presenza del gatto è una cosa positiva, non negativa; non smetterà di ricevere il cibo, le leccornie o i giochi solo perché avete introdotto un altro essere in casa.

L’obiettivo è far sì che il cane perda interesse per il gatto ogni volta che si apre la porta e si vedono faccia a faccia. Questa parte dell’introduzione può richiedere giorni o settimane. E se non funziona, è il momento di consultare un veterinario per un parere esperto. Anche in questo caso, il risultato e la rapidità di questo processo dipendono completamente dal cane e dal nuovo gatto.

Introduzione reale faccia a faccia con il cane al guinzaglio.

Il passo successivo consiste nel far uscire il gatto nel resto della casa, mentre il cane è al guinzaglio. È il momento per il piccolo Whiskers di esplorare il cane, mentre si sente al sicuro. Questo può spaventare, quindi prendetevi il tempo necessario e fatelo solo quando vi sentite a vostro agio e siete sicuri che il vostro cane sia pronto. Durante questa fase, prestate molta attenzione al cane, fategli eseguire comandi semplici come il seduto e il fermo e premiatelo con dei bocconcini. Anche in questo caso, si tratta di mostrare al cane che il nuovo membro della famiglia non è una minaccia.

Una volta che il cane si è calmato e ha capito che non sta succedendo nulla di male, si può decidere di togliere il guinzaglio al cane. Fatelo solo quando il cane è calmo e siete sicuri che sia il cane che il gatto siano pronti per questo tipo di introduzione.

La cosa più importante da ricordare è la pazienza; questa introduzione può richiedere molto tempo per essere eseguita correttamente. Dovete assicurarvi che sia il cane che il gatto siano felici e a proprio agio l’uno con l’altro. Speriamo che questo post su come introdurre un gatto a un cane vi sia stato utile! Se avete altri suggerimenti o trucchi, fatecelo sapere nella sezione commenti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Consigli

Scopri tutti i nostri articoli